martedì 20 settembre 2011

Il mio metodo per conservare i Porri

Oggi vi spiego come faccio per conservare i porri che coltiviamo nel nostro orto. 

Ne esistono anche degli altri, ma per motivi di praticità io preferisco questo. Altrimenti andatevi a leggere il post precedente sui Porri.
Il mio metodo consiste nella congelazione a crudo: ho constatato che i porri si mantengono bene a lungo e mantengono il loro aroma (sarà che i miei porri sono molto più saporiti ). Avendone tanti, e dato che la conservazione in luogo asciutto e buio non garantisce sempre buoni risultati, ho optato per questa tecnica. In questo modo li preparo tutti in una volta, e quando li si vuole cucinare sono pronti per essere messi in padella o altro. 

Vi occorrono:

  • dei vassoi, io uso i vassoi di cartone delle pasticcierie (mai buttarli via, che servono sempre)
  • degli asciugapiatti-strofinacci in cotone, puliti
  • pellicola da cucina
  • tagliere, meglio in plastica perchè il legno assorberebbe troppo l'odore
  • un coltello bello tagliente
  • un colino abbastanza grande
  • sacchetti-freezer
  • e ovviamente i PORRI





Già nell'orto ho eliminato la barbetta alla base del bulbo e la maggiorparte del verde, che è molto fibroso.

Poi, un porro alla volta, sciacquo con l'acqua e comincio a tagliare a rondelle. Man mano tolgo gli strati che andando verso la parte verde sono più duri, cercando di tenere la parte bianca-verdino chiaro. La parte verde,che non è commestibile, può essere usata per aromatizzare zuppe o preparazioni a cottura lunga e poi va tolta. 


Una volta tagliato il porro lo sciacquo bene (per togliere i residui di terra) nel colino e lascio lì a scolare, mentre taglio il porro successivo. Una volta scolato lo metto sullo strofinaccio per far assorbire l'acqua rimasta e lo copro con un altro strofinaccio. In questo modo si asciugano bene le rondelle.
Una volta asciutti, li metto sui vassoi, con la pellicola sia sotto che sopra. Devo fare in modo di avere uno strato solo di rondelle, non devono sovrapporsi. Poi li metto nel congelatore. Così facendo ottengo una rapida congelazione che mi permette di mantere le caratterisctiche organolettiche dei porri.
Dopo qualche ora, quando sono sicura che si sono congelati li metto in sacchetti da freezer, massimo 200gr a sacchetto. Voi cercate di mettere nel sacchetto quella che sarà la quantità che vi servirà nelle vostre preparazioni.  Scrivete sui sacchetti la data. Durante il "travasamento" cercate di fare in modo di non toccarli con le mani  o che vengano a contatto con altre superfici, per motivi igienici. Cercate di essere rapidi in questa fase, per non far scongelare i porri.



Così sono subito pronti, quando volete cucinare. Io li uso spesso per i risotti al posto delle cipolle (ottimo il risotto porri e salsiccia) Oppure anche semplicemente fatti in padella. Ma ci sono tanti modi di cucinarli e nel web troverete tante ricette.
Ne trovate un po' su  Giallozafferano. oppure anche su Cookaround.

Note
  • i porri, come le cipolle, fanno bruciare gli occhi
  • tenete le finestra aperte durante la preparazione perchè l'odore dei porri tende a rimanere
  • gli strofinacci che avete usato metteteli prima in ammollo per eliminare l'odore e poi in lavatrice. Magari aggiungete un po di bicarbonato nell'ammollo, può aiutare a togliore l'odore.
  • non usate taglieri di legno perchè assorbono l'odore
  • per elimare gli odori su superfici o attrezzi ricordatevi che il caffè è un ottimo elimina-odori, esistono saponi al caffè oppure potete anche usare un pochino di caffè in polvere quando lavate gli attrezzi da cucina che avete usato.

3 commenti:

  1. il tuo suggerimento mi è piaciuto tanto!! adesso vado ad eseguire! grazie mille!! Elda Siena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi fa piacere! fammi sapere come ti trovi con questo metodo!

      Elimina
  2. grazie mille: ho finalmente messo le mani su un'enorme quantità di porri di Cerveri (squisiti e dolcissimi) che posso procurarmi solo rarissimamente (abito in Emilia dove non ci sono) e non volevo lasciarli seccare sotto la sabbia. Geniale. grazie

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...